Menu tours

 

Associated of
Namibian
Tourism Board


Fundi Specialist
Travel expert on
South Africa
 

TASA
Tour & Safari
Association of Namibia

flag namibia

13 notti NAMIBIA Family Print

13 NOTTI NAMIBIA FAMILY

Nota bene:
A: questa tipologia di tour è particolarmente adatta a chi volesse viaggiare con i propri figli. Tutti gli spostamenti infatti non superano un certo chilometraggio per non renderli inaffrontabili e noiosi per i bimbi e le strutture di accoglienza sono pensate per rendere il soggiorno della famiglia facile e confortevole.
B:
tutti i nostri tour sono personalizzabili per soddisfare le esigenze dei clienti.
C:
tutti i nostri tour sono affrontabili in "self drive" ma una guida può essere messa a disposizione su richiesta.




Il tour abbraccia

WINDHOEK: capitale della Namibia si trova proprio al centro del paese come per ricordare la sua importanza a chi non gliene volesse dare. La città si annida tra le colline tondeggianti di Eros ad est, i monti Auas a sud ed il Khomas Hochland ad ovest. Rappresenta a tutti gli effetti il punto d’incontro tra l’Africa e l’Europa, tra il passato ed il presente, la tradizione e la mondanità, l’antico ed il moderno. Nella strada principale della capitale, edifici coloniali tedeschi ben conservati sono in netto contrasto con gli stili architettonici moderni; le donne Herero con i loro abiti vittoriani e le donne Himba vestite di nulla si mischiano ai manager vestiti secondo le correnti mode internazionali. Anche se non tipicamente “africana” è senza dubbio una città da vedere e capire.

DESERTO DEL KALAHARI: nonostante non sia famoso qui in Namibia come il deserto del Namib, richiama per il suo misterioso silenzio che infonde un profondo e travolgente senso di solitudine. Per la sua vastità costituisce il quarto deserto al mondo. Sono quattro i paesi che attraversa, lo Zimbabwe, il Botswana, la Namibia ed il Sud Africa. Del Botswana copre la maggior parte del territorio ed infatti il nome lo prende dalla parola Tswana “Kgalagadi” che significa “la grande sete”. È composto da un deserto di sabbia ma anche da un bacino semi arido. In Namibia si trova la sua zona più arida a causa delle scarse piogge ed è per questo che qui è considerato deserto fossile. Uno scenario unico per tramonti senza fine. 

DESERTO DEL NAMIB:
con i suoi 80 milioni di anni, è il deserto più antico al mondo, un paradiso desolato in cui è la natura è ancora l’unica incontrastata padrona. Inizia in Angola e scende lungo tutta la costa per circa 2000 chilometri fino al Sud Africa estendendosi per circa 250.000 chilometri quadrati. I Nama, che furono i primi ad abitarlo, gli diedero il nome che nella loro lingua significa “spazio senza fine”. Nonostante la sua ostile conformazione ospita diverse specie animali tra le quali non mancano i famosi elefanti del deserto e i leoni che popolano la costa nord. Questo perché, a parte le scarse piogge (25mm di acqua all’anno), la corrente fredda del Benguela che sale dal Sud Africa sull’oceano Atlantico, produce una nebbiolina che nutre una vegetazione tutta particolare. Unica al mondo è la Welwitschia mirabilis che conta esemplari vecchi di 2000 anni! Con le sue dune maestose, tra le più alte al mondo che cambiano colore sotto le diverse luci del sole, questo deserto favoloso offre scenari suggestivi e magici.

SWAKOPMUND: con i suoi vialoni alberati, le sue passeggiate sulle spiagge, un clima gradevole durante l’estate, e una infinità di attività adrenaliniche a disposizione, questa città sulla costa atlantica costituisce la principale stazione di vacanza delle Namibia. I suoi edifici e la nebbia mattutina portata dalla fredda corrente oceanica del Benguela la fanno sembrare un tipico villaggio tedesco che tuttavia, inserito nel deserto del Namib, gli conferisce un fascino tutto particolare.

SKELETON COAST: così chiamata per la triste fine che attendeva i naufraghi che raggiungevano dal mare una terra così inospitale e per la sua capacità di chiamare a se quelli che sono oramai relitti di navi che vi hanno fatto naufragio. La mutevolezza del suo fondale, il mare spesso mosso, le imprevedibili correnti e la nebbia generata dalla corrente del Benguela, l’hanno resa sempre una zona molto ostica per gli appassionati naviganti. I portoghesi furono i primi ad arrivare in questa zona mentre tentavano di scoprire nuove rotte per l’Oriente circumnavigando l'Africa. È una zona che si isola naturalmente, in cui si può provare il senso vero della solitudine. 

DAMARALAND:
questa indescrivibile terra offre uno degli scenari paesaggistici più belli che si possano anche lontanamente immaginare. Con i suoi altipiani ed i suoi numerosi fiumi, per quanto effimeri, ospita una consistente varietà animale, costituendo una delle ultime aree faunistiche non ufficiali dell’Africa. La presenza di siti geologicamente interessanti dimostra che questa è una delle terre più antiche al mondo. La sua evidente mutevolezza con il cambio delle stagioni la rende unica e  indimenticabile. In questa zona vivevano un tempo i Boscimani che hanno lasciato vere e proprie gallerie di arte rupestre che regalano alla regione un sapore tutto mistico in cui il passato ed il presente si incontrano e si confondono. 

KAOKOLAND:
posizionata nell’angolo nord occidentale della Namibia, questa terra vive in silenzio e in disparate, come a non voler disturbare ma anche come a non volersi piegare alla modernizzazione imperante. Ha da sempre rappresentato un’area in cui è molto difficile accedere per la ricca presenza diamantifera ma anche per la mancanza di facili accessi. È un territorio per lo più roccioso e sabbioso, ma quando piove in modo sufficiente, si trasforma in una vasta prateria verde dai fiori selvatici in cui pascolano springbok, orici, giraffe e struzzi. Qui abita la straordinaria etnia degli Himba che si è ritagliata uno spazio in cui vivere in tranquillità il suo amore e attaccamento alla tradizione. Si è scelta il più arido, il più difficile da sostenere, ma forse lo ha fatto consapevole che questa potesse essere l’unica possibilità per non essere travolti dai vari tentativi di civilizzazione e continuare ad esistere così nel tempo.


ETOSHA: il parco nazionale Etosha è una delle riserve naturali più estese al mondo. Ridotta nel tempo nelle sue dimensioni fino a quelle attuali (più di 22000 chilometri quadrati), è divenuto riserva nel 1907. Il nome lo prende dalla sua vasta depressione salina, l’Etosha Pan, che in lingua Oshivambo significa “grande luogo bianco di acqua asciutta”. Questo bacino 12 milioni di anni fa era un lago nutrito dal corso del fiume Kunene. Quando questo cambiò il suo corso la piana divenne desertica e si trasforma in una bellissima laguna dalle acque basse brulicante di pellicani e fenicotteri solamente durante la stagione delle piogge. Questa arida crosta calcarea salina però, si circonda di fitte foreste ed infinite praterie e spiega perché esiste una così variegata fauna. 

WATERBERG: questa “montagna d'acqua” (è quello che significa il suo nome), oltre ad ospitare un ecosistema estremamente ricco, ha uno straordinario fascino storico. È infatti qui che gli Herero, una delle etnie presenti nel paese, combatterono e persero la loro battaglia contro la dominazione tedesca agli inizi del ‘900. Furono sterminati! Si dice che due terzi dell’intera popolazione perse la vita in questa battaglia. Sull’altopiano Waterberg si può respirare tutta l’ineluttabilità e la crudezza della storia, ma anche la fierezza ed il coraggio di chi ha combattuto per la propria terra, per la propria famiglia, per i propri diritti.
E poco importa che sia stato invano.

 

 

 

Se cercate un viaggio indimenticabile, fuori dai circuiti dei grandi tour operator
e volete risparmiare senza rischiare di trovarVi innanzi a brutte sorprese,
African Footprints Tour è la soluzione che fa al caso Vostro!

La sistemazione in buone strutture di accoglienza; l'utilizzo di veicoli efficienti;
l'affidamento (quando richiesto) a guide preparate,
esperte e soprattutto entusiaste; l'adozione di tutte le misure necessarie a garantire
la sicurezza dei partecipanti nel più totale rispetto della natura,
costituiscono per noi infatti la condicio sine qua non nell'organizzazione
della Vostra “avventura africana”.

Tutte i prezzi pubblicati sono soggetti a cambiamenti fino al momento della prenotazione dovuto alla fluttuazione del cambio, tasse governative o aumento della benzina.


Veicoli disponibili per questo Tour sono:
- Veicolo 2x4
- Minibus 2x4 - 4x4
- 4x4 Single Cab
- 4x4 Double Cab 

Ci sono attività facoltative e prenotabili su richiesta quali:
- Escursione in mongolfiera sopra il deserto del Namib
- Volo in aereo (5 posti) sulla Skeleton Coast, il deserto del Namib ed il Fish River Canyon.
- Escursione in barca sulla laguna di Walvis Bay.
- Escursione nel deserto in quad-bike
- Escursioni trekking
- Escursione a cavallo nel deserto